studio
settembre 2017

L’effetto serra si combatte passando al metano

Flavio Mariani

Il 30 maggio scorso NGVA Europe ha lanciato lo studio “Greenhouse Gas Intensity of Natural Gas”, che valorizza il ruolo del Gas naturale come valida soluzione per la decarbonizzazione dei trasportiLo studio “Greenhouse Gas Intensity of Natural Gas” mostra che il gas naturale può ridurre le emissioni di gas serra (GHG, greenhouse gases) delle auto, su base Well-to-Wheel (dal pozzo alla pompa o WtW) del 23% in confronto con la benzina, e del 7% in confronto col gasolio. Nei veicoli pesanti, la riduzione rispetto al gasolio arriva al 16% col CNG (Compressed Natural Gas o Gas Naturale Compresso) e al 15% con l’LNG (Liquified Natural Gas o Gas naturale Liquefatto). Negli impieghi marini l’LNG può dare emissioni di GHG inferiori del 21% rispetto ai carburanti tradizionali.

L’uso di gas rinnovabile (biometano) dà benefici aggiuntivi, fino ad arrivare ad una mobilità con bilancio del carbonio neutro. La miscela di metano con solo il 20% di gas rinnovabile, dà emissioni di GHG ridotte del 40% a confronto coi carburanti liquidi petroliferi.

NGVA Europe, l’Associazione per lo sviluppo dei veicoli a Gas naturale e biometano, ha pubblicato il suo studio sull’impatto che l’uso del gas naturale come carburante nei trasporti ha sulle emissioni di GHG.

Lo studio è realizzato da Thinkstep, società di consulenza e software con posizione preminente nel campo delle Lifecycle Analysis (LCA). Thinkstep ha effettuato la valutazione a livello industriale della catena di approvvigionamento e impiego del gas naturale in Europa, in particolare nel settore trasporti. Oltre 50 compagnie dall’intera catena industriale del gas naturale hanno preso parte all’elaborazione di una grande quantità dati, attuali e di qualità elevata, che fanno riferimento a  valori aggiornati al 2015 e alle tecnologie più innovative.

Il rapporto rappresenta un nuovo moderno punto di riferimento in questo contesto, fornendo un’analisi approfondita delle fonti di emissione di GHG lungo l’intera catena applicativa del gas naturale. Si tratta di un apporto fondamentale nello scenario del settore dei trasporti, al quale è oggi richiesto di evolversi, da una situazione finora statica, dominata dai carburanti liquidi petroliferi, verso soluzioni a impatto ambientale e bilancio di carbonio inferiori. Le tecnologie disponibili vanno confrontate seguendo un approccio neutrale, necessario per un equo sviluppo dei trasporti. La neutralità è garantita solo dal metodo Well-to -Wheel.

Lo studio conferma che il gas naturale è tra le soluzioni più efficaci per la lotta ai cambiamenti climatici, e per il miglioramento della qualità dell’aria a costi ragionevoli. Grazie a CNG e LNG, un’ampia gamma di modalità di trasporto, dalle auto agli autocarri per trasporto su lunghe distanze, può conseguire una riduzione nelle emissioni di GHG e di inquinanti atmosferici.

 

L’aggiunta di gas rinnovabile

Il biometano è un carburante valido, rinnovabile e a basso bilancio di carbonio. CNG e LNG si possono produrre da un’ampia varietà di fonti rinnovabili, come le biomasse di scarto, o convertendo la CO2 e l’idrogeno “rinnovabile” in metano sintetico. Questa prospettiva amplifica i benefici del gas naturale come carburante a basso bilancio di carbonio, sulla base delle emissioni Well to Tank (dal pozzo al serbatoio o WtT), il che si traduce in sostanziali riduzioni delle emissioni globali di GHG.

NGVA Europe: che cos’è

NGVA Europe è l’associazione europea che promuove il gas naturale e i gas rinnovabili nel settore trasporti. Costituisce una piattaforma per le industrie coinvolte nella produzione e distribuzione di veicoli e Gas naturale. Difende i loro interessi ai tavoli dei decisori europei, per assicurare standard accurati, regolamenti e condizioni di mercato equi. Crea reti di contatti professionali tra gli operatori interessati, per raggiungere il miglior consenso possibile su posizioni ed azioni. Raccoglie, registra e comunica in maniera affidabile fatti comprovati, e sviluppi sigas naturaleificativi nel mercato NGV.

“La produzione del biometano è anche un forte fattore della “economia circolare”, e assicura un sistema intelligente per produrre un carburante pulito e di elevata qualità partendo da materiali organici di scarto. In Europa il biometano ha il potenziale per rifornire oltre 2 milioni di veicoli con un gas prodotto da residui organici, semplicemente trasformando i nostri rifiuti domestici in gas rinnovabile, un carburante sostenibile e prodotto localmente”, sottolinea Andrea Gerini, Segretario Generale di NGVA Europe. Col gas rinnovabile le emissioni WtW calano sensibilmente, e risultano ridotte del 80÷95% secondo la materia di partenza ed il processo produttivo. L’introduzione di un 20% di gas rinnovabile nel gas naturale è uno scenario realistico al 2030, e comporta la riduzione del 40% delle emissioni di GHG rispetto ai carburanti tradizionali. Le future innovazioni nelle tecnologie di motori e veicoli potrebbero estendere ulteriormente i benefici a confronto con le attuali migliori tecnologie dei veicoli a benzina e diesel.

 

Migliorare l’aria che respiriamo

Oltre ai cambiamenti climatici, anche la qualità dell’aria nei maggiori centri urbani, col conseguente impatto sulla salute, continuano a destare preoccupazione. Il Gas naturale è un carburante intrinsecamente pulito. Oltre a offrire basse emissioni di GHG, la sua combustione è libera da particolato e composti aromatici, con emissioni di NMHC quasi nulle. Le emissioni di NOx sono fortemente ridotte, perfino nelle più severe condizioni di guida su strada. I veicoli a metano offrono una soluzione perfetta con livelli di emissioni vicine a zero, disponibile già ora, per migliorare la qualità dell’aria nei centri urbani.

Le tecnologie sono mature, convenienti, sicure e pronte a fornire un veloce e forte contributo per fronteggiare le sfide dei trasporti, grazie a un elevato potenziale di penetrazione. Nel confronto con altre tecnologie, lo sviluppo dell’infrastruttura e della tecnologia veicolare del gas naturale può essere condiviso in quasi tutti i segmenti del trasporto, con le sinergie e i benefici legati all’adozione su larga scala.

Lo studio può essere scaricato dal sito: http://ngvemissionsstudy.eu

  

Note

CNG = Compressed Natural Gas, gas naturale compresso

HFO = Heavy-Fuel-Oil, olio combustibile pesante

LNG = Liquefied Natural Gas, gas naturale liquido

NGV = Natural Gas Vehicle

NMHC = Non Methanic Hydrocarbons, idrocarburi incombusti diversi dal metano

WTT = Well-To-Tank; rappresenta la parte della catena d’impiego di un carburante, dalla produzione fino al serbatoio del veicolo

WTW = Well-To-Wheel; rappresenta l’intera catena d’impiego di un carburante, dalla produzione fino all’uso sul veicolo