viaggi a metano
settembre 2016

Ecorally 2016, si cambia!

Monica Dall'Olio

L’11° edizione del rally di regolarità riservato ai veicoli con alimentazione alternativa ha cambiato percorso e da San Marino arriva così a Monte-Carlo. Ma le protagoniste sono sempre loro, le auto a basso impatto ambientale.
Podio per il metano
Chi ha detto che la promozione delle buone pratiche passa solo attraverso iniziative “impegnate”? Infatti ci sono anche quelle “impegnative”, come l’11° Ecorally San Marino, Sanremo, Monte-Carlo e 8° Ecorally Press, disputati il 17, 18 e 19 giugno.

Oltre 800 km percorsi a ritmi serrati, anche su tragitti che hanno richiesto la massima concentrazione dei partecipanti – come il tratto che ha ricalcato il Rally di Sanremo, sulle colline liguri – per dimostrare come sia possibile muoversi ogni giorno scegliendo di non inquinare, utilizzando veicoli a basso impatto ambientale.

La competizione, che è anche gara ufficiale di regolarità internazionale inserita nel calendario Coppa FIA Energie Alternative, si è dimostrata come sempre alla portata di tutti e ha visto la presenza di 40 equipaggi. Tra loro, piloti che partecipano attivamente ai campionati dedicati alle energie alternative, rappresentanti delle aziende che operano nel settore della mobilità ecologica, giornalisti ma anche semplici appassionati. E molti equipaggi internazionali: oltre ai sammarinesi, concorrenti in arrivo da Bulgaria, Canada, Francia, Principato di Monaco, Romania e Slovenia.

 

 

In coda per le verifiche tecniche prima della partenza
In coda per le verifiche tecniche prima della partenza

 

Le propulsioni in gara

I mezzi con propulsioni alternative in Italia rappresentano l’8,33% del circolante di autovetture e per l’esattezza vi sono: 2.137.078 a Gpl (5,72%), 883.190 a metano (2,36%), 82.381 sono ibridi benzina (0,22%), 4.584 (elettriche), pari allo 0,01% e infine gli ibridi diesel, 2.967 unità, ovvero lo 0,01% (dati Aci al 31 dicembre 2015).

All’Ecorally erano presenti tutte le tipologie di veicoli (esclusi, quest’anno, gli elettrici: il percorso troppo lungo e le tempistiche non avrebbero consentito le ricariche). I veicoli partecipanti sono quindi prodotti in serie o prototipi, regolarmente immatricolati, appartenenti alla Categoria FIA VII&VIII (+ IIIA): ibridi elettrici e altri veicoli ad energie alternative, quali mono e bifuel gassosi (Gpl, metano e biometano), biocarburanti e idrogeno, oltre agli elettrici con autonomia estesa.

 

 

L’Abarth a metano che è salita sul podio
L’Abarth a metano che è salita sul podio

Il percorso

I concorrenti sono partiti da San Marino dopo le verifiche tecniche il 17 giugno alle 13.01, a distanza di un minuto l’uno dall’altro e subito si sono cimentati con tre prove di regolarità a velocità costante prima di dirigersi a Forlì. Poi Bologna e quindi in area modenese. Ultimo stop della giornata allo stabilimento Landi Renzo a Corte Tegge (Re). Il primo giorno di gara è terminato a Parma, da dove le auto sono ripartite il sabato per le prime due tappe. A seguire il tour dei castelli di Parma e Piacenza; tra il Castello di Agazzano e quello di Castelnovo, prova di regolarità a velocità costante. Arrivo al Castello di Sarmato per il pranzo poi autostrada fino ad Imperia. A seguire due prove di regolarità a velocità costante prima di giungere a Sanremo, arrivo del secondo giorno di gara. Domenica 19 partenza per Ventimiglia, Olivetta (confine di Stato) e Castellar, in territorio francese, dove si sono svolti i controlli finali dei carburanti. Poi l’ultimo tratto fino a Monte-Carlo, per la cerimonia di premiazione.

 

Le cose da sapere

Hai un’auto a metano e vuoi partecipare alla prossima edizione? Si può fare, quella che viene richiesta è la massima precisione, certo non la velocità. I concorrenti devono seguire il Road Book, usato tradizionalmente nei rally, in pratica un navigatore cartaceo che con simboli e planimetrie indica il percorso e le prove. Queste vanno dalla partenza cronometrata a una serie di controlli con rilevamento del passaggio tramite tubi pressostatici collegati ad un cronometro. Inoltre almeno quattro prove speciali che vanno percorse con media oraria costante con passaggi controllati segretamente e rilevati da cellule fotoelettriche. Info: www.ecorally.eu.

 

Le novità: il dual-fuel

Ben tre veicoli non erano autovetture ma bensì mezzi di servizio: due commerciali leggeri e un’ambulanza. Tutti con alimentazione dual fuel diesel/Gpl o diesel/metano, dotati di speciali sistemi che consentono ai motori diesel di lavorare con una miscela di gasolio e gas, approfittando di tutti i vantaggi ecologici ed economici che ne derivano. Si tratta del Citroën Jumper con impianto diesel/Gpl Autogas Italia della forlivese Oxigas in dotazione al direttore di gara, di un Fiat Ducato diesel/metano messo a disposizione da Piccini Paolo, impianto Ecomotive Solutions, in gara con equipaggio di nazionalità rumena per la scuderia Unione Gas Auto – My En e della prima ambulanza ecologica diesel/GPL realizzata da Punto Gas in collaborazione con Sea (Sanità Emergenza Ambulanze) di Roma.

 

Le classifiche del 11° Ecorally San Marino

 Campionato Italiano Energie Alternative
1. Guido Guerrini-Francesca Olivoni, Ecomotori Racing Team (Abarth 500 Gpl)
2. Fabio Loperfido/Alessandro Moretti, Ecomotori Racing Team (Abarth 500 metano)
3. Lucas e Piotr Nytko, scuderia Nytko Motorsport (Toyota Yaris ibrida)


Campionato FIA Alternative Energies Cup
1. Artur Prusak/Thierry Benchetrit, scuderia Simulang (Toyota Prius ibrida)
2. Massimo Liverani/Valeria Strada, Montecarlo Engineering Racing Team (Alfa Romeo Mito Quadrifoglio verde Gpl)
3. Fabio Loperfido/Alessandro Moretti, Ecomotori Racing Team (Abarth 500 metano)


Ecorally 2016, si cambia! classifica
La classifica del 8° Ecorally Press

1. Paolo Benevolo/Fabrizio Giamminuti, Aci Onda Verde (Toyota Prius)
2. Fulvio Maria Ballabio/Fulvio Ciervo, Kerb Motori, Montecarlo Engineering Racing Team (Alfa Romeo Giulietta Gpl)
3. Luca Comandini/Claudio Anniciello, Sicurauto.it, scuderia Tartarini Auto (Hyundai i40 Gpl)


In collaborazione con Assogasliquidi e Consorzio Ecogas