viaggi a metano
settembre 2015

Ecorally 2015, l’auto ecologica diventa protagonista

Monica Dall'Olio
Ecorally 2015 in cifre. Gli equipaggi in gara hanno percorso, in 2 giorni, 544 chilometri su strade pubbliche suddivisi in 2 tappe e 9 settori di gara. 5 le prove segrete a velocità costante rilevate con fotocellula e 16 i pressostati di rilevamento del tempo

È giunto alla decima edizione l’Ecorally San Marino – Città del Vaticano, gara di regolarità riservata ai veicoli ecologici valevole per il campionato internazionale Fia Energie Alternative e per quello italiano.

Oltre 35 i veicoli partiti venerdì 15 maggio dalla magnifica Piazza della Libertà nel cuore della Repubblica del Titano alla volta di Piazza San Pietro, dove domenica 17 i partecipanti hanno assistito all’Angelus di Papa Francesco. Come sempre, i protagonisti assoluti della manifestazione sono stati i mezzi più rispettosi dell’ambiente – a metano, Gpl, biocarburanti, elettrici e ibridi – prodotti in serie o prototipi regolarmente immatricolati e omologati per la circolazione su strada. Le categorie ammesse: veicoli ibridi elettrici, endotermici (ovvero Gpl e metano mono e bi-fuel), biocarburanti, idrogeno, elettrici con autonomia superiore a 250 km e veicoli elettrici con limitata autonomia.

La partenza dei 35 veicoli ecologici
La partenza dei 35 veicoli ecologici da Piazza della Libertà a San Marino

Le prove

Ma di cosa si tratta? Ogni equipaggio è composto da un pilota e un co-pilota, che possono cambiare di ruolo durante la gara. I concorrenti devono seguire il Road Book, il libro di diagrammi usato tradizionalmente nei rally. Le prove previste vanno dalla partenza cronometrata a una serie di controlli con rilevamento del passaggio tramite tubi pressostatici collegati ad un cronometro, il cui tempo è rilevato al centesimo di secondo, e da almeno quattro controlli segreti di media oraria costante con i passaggi rilevati da cellule fotoelettriche.

Le tappe

Il percorso di gara ha toccato, anche quest’anno, luoghi, strade e panorami unici, attraversando un centro Italia ricco di sorprese paesaggistiche.

Arezzo, l'entrata in Piazza Grande.
Arezzo, l’entrata in Piazza Grande

Dal Passo del Grillo, i concorrenti sono entrati nella Valle del Marecchia, sono transitati da Sant’Agata Feltria (Rn) e hanno proseguito per Sansepolcro (Ar). Da qui hanno raggiunto Arezzo, con pausa pranzo in Piazza Grande.

Nel primo pomeriggio di nuovo in gara verso Monte San Savino (Ar), poi l’ingresso nelle terre del senese: l’Abbazia di Monte Oliveto, Buonconvento, Pieve a Salti, per giungere infine alle Terme di Saturnia (Gr). Dopo una breve sosta ristoro, gli ecorallisti hanno proseguito passando prima da Pitigliano (Gr), poi da Tuscania (Vt) per giungere a Soriano nel Cimino (Vt), dove gli equipaggi hanno pernottato. Tra i tratti più apprezzati lo sterrato che ha fatto parte delle prove speciali del Rally Mondiale di Sanremo. La mattina della domenica, passaggio da Civita Castellana e Nepi per giungere alla meta finale: Città del Vaticano.

La troupe di Easy Driver all’arrivo dell’Ecorally  in Via della Conciliazione a Roma
La troupe di Easy Driver all’arrivo dell’Ecorally
in Via della Conciliazione a Roma

Ecorally Press

L’Ecorally San Marino – Città del Vaticano, organizzato dalla San Marino Racing Organization, è nato nel 2006 per contribuire a promuovere le alimentazioni alternative e con questo spirito già da diversi anni dedica agli operatori dell’informazione l’Ecorally Press, per permettere ai giornalisti di verificarne sul campo prestazioni e adattabilità all’uso quotidiano. La settima edizione ha ospitato venti equipaggi di stampa, radio tv e web.

La gara del gas naturale

Ottime le performance del metano, che con l’equipaggio Ventura – Guerrini di Ecomotori.net ha conquistato il secondo posto per il Campionato italiano Aci Sport e nell’Ecorally Press A con punteggio Fia, oltre al primo posto nella classifica destinata ai veicoli a metano. Il “bolide” utilizzato è la 500 Abarth a metano che dal 2012 ad oggi si è aggiudicata ben 7 titoli mondiali Fia Energie Alternative (piloti, co-piloti e costruttori).

“Dopo due vittorie consecutive nelle gare mondiali – commentano a Ecomotori.net – la coppia Ventura-Guerrini su 500 Eco Abarth Cavagna-Bigas, si deve accontentare del secondo gradino del podio. Nonostante cinquecento chilometri di gara e ventuno prove speciali l’Ecorally San Marino-Vaticano si conclude con un fantastico testa a testa che vede l’Ecomotori Racing Team piazzarsi al secondo posto con un distacco di appena un decimo di secondo nella classifica assoluta”.

La Lancia Ypsilon 30th Anniversary Natural Power di Motorionline.com all’acquedotto di Nepi
La Lancia Ypsilon 30th Anniversary Natural Power di Motorionline.com all’acquedotto di Nepi

Hanno scelto il metano anche alcuni equipaggi in gara, per la prima volta, nell’Ecorally Press.

I giornalisti Tiziana Fait e Ferdinando Sarno, Motorinrosa.com, a bordo di una Seat Leon Style 1.4, hanno commentato: “Una vettura molto confortevole, si é dimostrata fedele alle nostre aspettative sia nei consumi che in tema di guidabilità. Per il rifornimento, con un po’ di organizzazione, se si viaggia nello stivale, non si rimane a secco…in casi estremi…c’è sempre la benzina!”

E l’equipaggio Lorenzo Bellini – Gianluca Mauriello di Motorionline.com, la testata dedicata ai motori del network Quotidiano.net, che ha gareggiato su Lancia Ypsilon 30th Anniversary Natural Power. “Per questa versione bi-fuel alimentata a benzina e metano – hanno commentato Bellini e Mauriello – sotto al cofano, troviamo il bicilindrico TwinAir da 80 CV, che le regala una briosità niente male, che ci ha aiutato non poco nei tratti in cui abbiamo dovuto spingere per evitare di arrivare in ritardo al controllo orario. Per il resto, si tratta della Ypsilon di sempre, con quella tipica capacità di far sentire coccolati gli occupanti pur trattandosi di una piccola utilitaria. Per percorrere i 544 km di gara abbiamo consumato 8,55 kg di metano e 13 litri di benzina”.

La Polizia Stradale all’Ecorally per “Un agente per amico”, rubrica di Easy Driver su Rai 1
La Polizia Stradale all’Ecorally per “Un agente per amico”, rubrica di Easy Driver su Rai 1

Sicurezza stradale

Una menzione speciale va sicuramente alla sicurezza stradale. Che non può mancare quando si parla di Ecorally, competizione dove è il Codice della Strada a farla da padrone, insieme alla guida ecologica e “risparmiosa”. Gli organizzatori hanno infatti colto l’occasione per promuovere le dieci regole d’oro che Aci invita a sottoscrivere on line sul proprio sito, nell’ambito della campagna mondiale FIA “Action For Road Safety”. Inoltre, al seguito della trasmissione televisiva Easy Driver di Rai1, che anche quest’anno ha aderito all’iniziativa, ha accompagnato la carovana di mezzi a basso impatto ambientale anche un’auto della Polizia Stradale: a bordo il Vice Questore aggiunto Franco Fabbri e il Sovrintendente Valter Botto, protagonisti di una puntata della rubrica “Un agente per amico”. Infine, per il terzo anno consecutivo, in gara un equipaggio in rappresentanza dell’iniziativa Aci “Ambasciatori della Sicurezza Stradale”.

 

Le classifiche del 10° Ecorally San Marino – Città del Vaticano 

Campionato Italiano ACI Sport

  1. Massimo Liverani-Valeria Strada, Alfa Romeo GTV Gpl
  2. Nicola Ventura-Guido Guerrini, Abarth 500 CNG
  3. Roberto Chiodi-Maria Rita Degli Esposti, Suzuki Alto Gpl

Campionato FIA Energie Alternative

  1. Artur Prusak e Thierry Benchetrit, Toyota Prius
  2. Massimo Liverani-Valeria Strada, Alfa Romeo GTV Gpl
  3. Luckas Nytko-Artur Najder, Toyota Yaris Hybrid

Le classifiche del 7° Ecorally Press

Ecorally Press A (con punteggio Fia)

  1. Massimo Liverani-Valeria Strada, Alfa Romeo GTV Gpl (Auto d’Epoca)
  2. Nicola Ventura-Guido Guerrini, Abarth 500 CNG (Ecomotori.net)
  3. Guido Maria Pedone-Denis Giroudet, Honda CRZ Hybrid (CorsaNews.it)

Ecorally Press B

  1. Roberto Chiodi-Maria Rita Degli Esposti, Suzuki Alto Gpl (Repubblica.it Motori)
  2. Paolo Benevolo-Fabrizio Giamminuti, Alfa Romeo Gpl (Aci Onda Verde)
  3. Michele Lupetti-Erica Rampini, Fiat 500 Gpl (Valdichiana Oggi)