metano nel mondo
dicembre 2017

Cina, il futuro energetico è nel GNL

Gennaro Speranza

Cina: importazioni di GNL da primato

I consumi di gas naturale liquefatto (GNL) in Cina continuano a registrare un forte aumento, dovuto all’avvio di nuove politiche che favoriscono l’energia pulita e la riduzione dell’inquinamento dell’aria. In particolare, secondo i dati di CNPC Research Institute of Economics and Technology, nei primi 9 mesi del 2017 il consumo totale di GNL è stato pari a 167,6 miliardi di metri cubi, con una crescita del 16,6% su base annua, superiore del 7% rispetto al 2016. E in futuro il GNL sarà destinato a diventare una parte sempre più rilevante della fornitura cinese. Un recente studio di Platts Analytics ha previsto infatti che la Cina supererà già entro l’anno prossimo la Corea del Sud per diventare il secondo più grande importatore di GNL a livello mondiale (il primo è il Giappone). Le stime dicono che, mentre nel 2018 la domanda di GNL della Corea del Sud rimarrà inferiore a 40 milioni di tonnellate, le importazioni cinesi di GNL continueranno a crescere, raggiungendo circa 50 milioni di tonnellate nel 2018. Ciò sarà facilitato dalla sempre più crescente fornitura di gas naturale in Cina, in particolare dall’Australia occidentale e orientale e dalla costa del Golfo degli Stati Uniti. Li Li, direttore della ricerca sull’energia presso ICIS China, ha dichiarato: “La Cina ha fissato un obiettivo elevato per la percentuale di gas naturale nel mix energetico del Paese entro il 2020. Essa deve accelerare la fornitura di gas naturale interna ed estera per soddisfare la domanda”.

 Spagna: accordo per promuovere l’uso del metano nei taxi di Madrid 

Cooperative Society of Taxi Services (SCAT), che è la principale cooperativa dei taxi di Madrid, ha firmato un accordo di collaborazione con Gas Natural Servicios (società leader nell’efficienza energetica in Spagna) per incentivare l’uso del metano come carburante per le flotte taxi della cooperativa madrilena. Questa iniziativa, secondo le stime di SCAT, andrà a beneficio di circa 13.000 membri (attualmente a Madrid ci sono 15.700 licenze attive). Gas Natural Servicios, in qualità di azienda energetica, promuoverà diverse linee d’azione, tra cui la costruzione di infrastrutture di rifornimento di GNL a disposizione della flotta taxi SCAT, nonché offerte personalizzate per i tassisti, che includono la possibilità di trasformare a metano le proprie vetture.

Francia: aperto il primo impianto di rifornimento di metano in autostrada

È stata inaugurata nel quartiere di Beaune-les-Mines, nei pressi di Limoges (nel centro-ovest della Francia), la prima stazione pubblica di distribuzione di metano installata sulla rete autostradale francese. Situata lungo l’autostrada A20, la nuova stazione che distribuisce sia il gas naturale liquefatto (GNL) sia il gas compresso (CNG) è gestita dalla joint-venture costituita nel 2017 tra la compagnia francese Primagaz (attiva storicamente nella distribuzione del GPL e a partire dal 2003 anche di metano) e il gruppo svizzero Avia, che in Francia con circa 800 stazioni di servizio rappresenta la seconda compagnia di distribuzione petrolifera.

Regno Unito: due camion a metano Scania per la flotta di Howard Tenens

Howard Tenens, società autotrasportatrice britannica, ha recentemente acquisito da Scania due autocarri da 26 tonnellate alimentati a metano. Grazie a questa operazione, la società londinese si pone come una tra le prime realtà nel mondo dell’autotrasporto del Regno Unito ad introdurre in flotta mezzi pesanti a metano. “Il nostro obiettivo – ha dichiarato Ben Morris, Direttore Esecutivo di Howard Tenens – è quello di essere leader nella logistica sostenibile e di promuovere un trasporto merci a basse emissioni. Questa operazione dimostra chiaramente il nostro impegno verso questo obiettivo e che siamo alla costante ricerca di nuovi modi per ridurre la nostra impronta di carbonio e quella dei nostri clienti”.
Howard Tenens è parte del progetto “Dedicated to Gas Project from the Low Emission Freight and Logistics Trial”, finanziato dall’Office for Low Emission Vehicles (OLEV) in collaborazione con Innovate UK, progetto che ha il fine di incoraggiare la diffusione di veicoli a zero e a basse emissioni nelle flotte britanniche.

Messico: un terminal GNL nel Golfo della California 

La Mexico Pacific Limited (MPL), società proprietaria e sviluppatrice di un progetto infrastrutturale di GNL nel Golfo della California, in Messico, ha annunciato di aver ricevuto un investimento dal fondo per le infrastrutture di AECOM Capital per l’avanzamento dei lavori relativi al proprio progetto. Il particolare, il progetto di MLP prevede la realizzazione di un deposito costiero per la ricezione e lo stoccaggio di GNL all’interno di un porto marittimo che è interconnesso con la rete di distribuzione del gas statunitense mediante diversi gasdotti già in attività. “L’impegno finanziario del fondo per le infrastrutture di AECOM Capital e la nostra competenza in materia di investimenti per lo sviluppo – ha dichiarato il presidente di MPL Robert Kelly – rafforzano la posizione di MPL e ci permetteranno di concludere i lavori di costruzione dell’impianto GNL garantendo il raggiungimento degli obiettivi operativi entro il 2022. Questa è una pietra miliare importante che ci permette di servire i principali mercati di crescita del GNL in Messico, nelle Americhe e in Asia a partire un impianto di GNL della costa occidentale di prossima generazione, unico nel suo genere”.

Svizzera: Salt si tinge di verde 

Nell’arco dei prossimi 6 mesi, Salt (operatore telefonico svizzero) rinnoverà un’ampia parte della sua flotta auto passando alla Seat Leon 1.4 TGI EcoFuel, che ha una doppia alimentazione a benzina e a metano/biometano, con un’autonomia che è di circa 400 km con il metano/biometano e di oltre 900 km con la benzina. Salt ha concluso di recente l’ordine delle nuove auto con Seat e sarà la prima azienda tra gli operatori del settore delle telecomunicazioni elvetico a dotarsi di tali mezzi. Salt ha l’obiettivo di usare il metano/biometano per almeno l’80% dei chilometri percorsi. Ciò consentirà all’azienda di ridurre le proprie emissioni di CO2 fino al 40% rispetto a una flotta equivalente alimentata a benzina.

Russia: il Gruppo GAZ lancia nuovi veicoli a metano  

Il Gruppo GAZ, costruttore russo che fa parte della conglomerata Russian Machine Corporation, ha introdotto sul mercato due nuovi veicoli ad uso speciale alimentati a metano. Si tratta di un camion attrezzato per trasporto rifiuti e di un veicolo allestito ad officina mobile. Entrambi sono costruiti sulla base dell’autocarro medio Gazon Next e montano i motori a gas YAMZ-534 di nuova generazione, prodotti presso lo stabilimento Yaroslavl Motor Plant del Gruppo Gaz. I veicoli sono stati presentati in anteprima nell’ambito di GasSuf 2017, la fiera internazionale dedicata all’uso del gas naturale per i veicoli di trasporto che si è tenuta all’EcoCentre di Sokolniki in ottobre scorso.