incentivi
settembre 2016

Agevolazioni e sconti per le auto a metano

Monica Dall'Olio

Sono ancora disponibili gli incentivi Icbi. La Regione Molise stanzia 100mila euro per promuovere il gas auto. Intanto arrivano promesse dal Governo per ridurre il bollo per le vetture più ecologicheÉ giusto che chi sceglie i carburanti alternativi venga premiato, in quanto contribuisce al miglioramento della qualità dell’aria. Una scelta non automatica: bisogna optare per uno dei modelli proposti dalle case per le auto di nuova immatricolazione oppure decidere di rivolgersi a un’officina specializzata per la trasformazione a gas.

In entrambi i casi ciò comporta un costo, che viene però ampiamente recuperato in tempi brevi – circa un anno – grazie al risparmio sul carburante. Ma l’esborso immediato di una somma maggiore per l’acquisto o del costo della conversione viene deciso più facilmente se ci sono altre agevolazioni, che possono consistere in contributi economici, esenzioni dal pagamento della tassa automobilistica regionale, sosta e accesso alle Ztl gratuito o scontato. Un discorso a parte merita la libera circolazione quando ci sono limitazioni al traffico: non solo un premio, bensì un meritato riconoscimento.

Bollo auto, cosa ha detto il viceministro Morando

13-Bollo auto, cosa ha detto il viceministro Morando“Riconsiderare le tasse automobilistiche in chiave ecologica, cioè tenendo conto del basso impatto dei carburanti alternativi, come Gpl e metano, è raccomandabile e da realizzare in tempi brevi”. Lo ha detto Enrico Morando, viceministro dell’Economia e delle Finanze, intervenendo all’Assemblea di Assogasliquidi, l’Associazione di Federchimica che rappresenta le imprese del comparto distribuzione gas liquefatti per uso combustione e autotrazione. Un provvedimento in tal senso potrebbe ridare slancio al settore: le immatricolazioni di auto a metano hanno fatto registrare un calo notevole nel 2015, ma anche nel primo semestre 2016, complice il calo del prezzo del petrolio.

Ecco una carrellata delle principali iniziative di promozione della mobilità ecologica che coinvolgono i gas per auto, in particolare il metano.

 

Incentivi Icbi

Ricordiamo in particolare gli incentivi Icbi, Iniziativa Carburanti a Basso Impatto, che consistono in un contributo per la trasformazione attivo nei Comuni che hanno aderito all’iniziativa, più di 600 in tutta Italia, fino ad esaurimento del fondo messo a disposizione dal ministero dell’Ambiente. Possono essere trasformati a metano usufruendo del contributo: autoveicoli Euro 2 e 3 appartenenti a persone fisiche (incentivo di 650 € – fondo di 1,8 milioni €); veicoli commerciali leggeri inferiori a 3,5t (da Euro 2 in poi), appartenenti a persone giuridiche, sia  a benzina convertiti a gas, sia a gasolio trasformati in dual fuel diesel/metano (incentivo di 1.000 € – fondo di 300mila €). Gli interventi riguardano anche il Gpl. Info: www.ecogas.it (Incentivi/Incentivo ICBI 2016) – http://icbi.comune.parma.it.

Oltre agli Icbi, sono attivi incentivi alla trasformazione anche a Bussolengo (Vr)*, Cervia (Ra), Legnago (Vr), Novara* e Soliera (Mo).

 

Direttiva Dafi 2014/94 sui carburanti alternativi

Il mondo dei carburanti alternativi è in attesa del decreto legislativo di recepimento della direttiva Dafi 2014/94. Incentivi in arrivo? Probabilmente no, perchè l’imperativo è quello che non vi sia alcun impatto sui conti pubblici, si punta invece a misure che agevolino la diffusione. Per quanto riguarda il metano e il Gnl queste dovrebbero essere le principali novità: obbligo per i nuovi punti vendita carburanti, per quelli oggetto di ristrutturazione e per quelli con erogato superiore a 10 milioni di litri, di installare distributori di gas metano compresso (Gnc) o liquefatto (Gnl) nelle zone con maggiore concentrazione di PM10; abolizione del “supero” per il prelievo di gas dalla rete da parte dei distributori; obbligo per le aziende di trasporto pubblico locale di acquistare una quota dei nuovi mezzi a metano; possibilità per le Regioni di esentare dal bollo le auto a Gnc e Gnl, anche in caso di trasformazione. Il testo introduce poi la possibilità di aprire nuovi impianti di distribuzione monoprodotto che eroghino metano, compreso il biometano, sia in forma compressa (Gnc) sia in forma liquida (Gnl).
Vengono inoltre stabiliti gli standard che tutti i carburanti alternativi e le relative strutture di rifornimento dovranno rispettare dal 2017. Per il Gnl stradale la scadenza è il 31 dicembre 2025 per un numero adeguato di punti di rifornimento, con particolare attenzione ad autostrade e interporti. Entro 12 mesi dall’entrata in vigore del dlgs dovrà inoltre essere messa a punto la norma tecnica antincendio. Per il metano compresso il termine è il 31 dicembre 2020 per avere un numero adeguato di punti di rifornimento, con priorità per le città che hanno superato i limiti di concentrazione di PM.

Regione Molise 

É recente lo stanziamento di 100mila euro da parte della Regione Molise, che con deliberazione della Giunta regionale n. 211/2016 ha reso operativo l’intervento previsto all’articolo 16 della legge finanziaria regionale n. 5/2016, ovvero gli incentivi per la conversione a metano o a Gpl dei veicoli inquinanti.

Agevolazioni sosta e accesso alle Ztl gratuito o scontato

In numerose località italiane è previsto un trattamento di favore per chi circola con un veicolo a metano. Si va dalle agevolazioni in tema di sosta agli accessi gratuiti o scontati nelle Ztl, provvedimenti che coinvolgono a seconda dei casi i residenti, le realtà economiche, oppure chi si occupa di consegne in città. Ecco alcune che concedono agevolazioni: Albisola, Sv; Arezzo; Bologna; Casale Monferrato, Al; Casalecchio, Bo; Cesena, Fc; Correggio, Re; Cremona; Ferrara; Milano; Novara; Parma; Piacenza; Roma; San Benedetto del Tronto (AP); Trento.

I requisiti per presentare domanda: il proprietario del mezzo deve avere residenza o sede legale in Molise e avere installato e collaudato il nuovo impianto non prima del 6 maggio 2016. L’importo del contributo è pari a 500 € per ogni veicolo. La domanda può essere inviata mediante Pec, all’indirizzo regionemolise@cert.regione.molise.it, oppure consegnata a mano presso la sede della Regione Molise  in via Genova 11, a Campobasso. L’eco incentivo viene erogato ai primi 200 richiedenti, in base all’ordine di arrivo al protocollo regionale.

 

Bollo auto 

Salvo diverse disposizioni regionali in Italia i veicoli alimentati esclusivamente a metano godono di una riduzione del 75% della tassa automobilistica; dal 2007 le tariffe sono proporzionali alla potenza (o più che proporzionali se si superano i 100kW) e inversamente proporzionali alle categorie Euro (un Euro 5 paga meno di un Euro 0); di norma gli autoveicoli a gas pagano la stessa tariffa applicata alle vetture di ultima categoria Euro.

In alcune Regioni italiane che si sono dimostrate particolarmente sensibili alle tematiche ambientali sono poi in vigore delle esenzioni pluriennali dal pagamento del bollo auto. Si tratta di Piemonte, Liguria, Lombardia, Basilicata e Puglia, oltre alle Province Autonome di Bolzano e Trento. Su www.aci.it, alla voce Bollo auto, tutti i dettagli.

 

* anche acquisto