incentivi
febbraio 2015

A caccia di …incentivi

Monica Dall’Olio

E’ confermato, la Legge di Stabilità (comma 222) ha cancellato il rifinanziamento degli incentivi per l’acquisto di veicoli ecologici. Intanto si allunga la lista delle Regioni che intervengono sul bollo auto: in Toscana chi trasforma il proprio mezzo a gas nel 2015 gode di un’esenzione triennaleÉ positivo sostenere la mobilità ecologica? C’è chi ritiene che la presenza continuativa di incentivi finisca per “drogare” il mercato, certo è che per le auto a gas è dimostrato che basta anche solo un piccolo contributo per far impennare vendite e trasformazioni a gas di auto già circolanti a dimostrazione del gradimento da parte degli automobilisti. Al momento però non si preannunciano interventi sostanziali da parte delle istituzioni.

Bec, prenotazioni sospese

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della legge di stabilità abbiamo la certezza: i contributi Bec (Basse Emissioni Complessive) per il 2015 non vengono rifinanziati. Rimane il residuo del 2014, ma dal 1° gennaio le prenotazioni sono sospese. “Per effetto del DL 12 settembre 2014 n. 133, convertito, con modificazioni, dalla legge 164/2014, i contributi per il 2015 spettano ai veicoli acquistati e immatricolati a partire dalla data di operatività della piattaforma per la prenotazione dei contributi che verrà resa nota su questo sito.”

Il Nuovo Doblò disponibile anche a metano
Il Nuovo Doblò disponibile anche a metano

E’ la motivazione comparsa su www.bec.mise.gov.it, il portale dedicato all’iniziativa, che al momento destina risorse solamente alle flotte pubbliche e private, cioè ai  veicoli utilizzati per attività d’impresa (taxi, noleggio, flotte aziendali, etc.).  Ricordiamo che per i veicoli acquistati nel 2015 il contributo (quando verrà riattivato) può arrivare al 15% del costo complessivo, con un tetto massimo di 3.500 € se le emissioni di CO2 non superano i 50 g/km, di 3.000 € per emissioni non superiori a 95 g/km e di 1.800 € per emissioni non superiori a 120 g/km.

 

Regioni e bollo auto, chi fa cosa

Bollo auto: la proposta dell’On. Daniele Capezzone, che prevedeva l’esenzione quinquennale dal pagamento della tassa automobilistica per i veicoli ecologici, non è stata accolta, ma a livello locale qualcosa si muove. Il 22 dicembre la Regione Toscana ha approvato la Finanziaria 2015, che prevede l’esenzione dal pagamento del bollo per tre annualità per autoveicoli e veicoli per trasporto di merci fino a 3,5 tonnellate (categorie M1 e N1) su cui viene installato un sistema di alimentazione a metano o a Gpl tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2015, con collaudo entro il 31 gennaio 2016. Il contribuente non dovrà fare nessuna richiesta: l’agevolazione fiscale sarà attribuita automaticamente.

Anche in altre regioni chi circola a metano può beneficiare di forme di esenzione (vedi la tabella qui sotto). E per quanto riguarda i contributi all’acquisto e alla trasformazione? Spesso sono proprio le amministrazioni locali a mettere a disposizione dei residenti fondi per incentivare la mobilità ecologica. Per identificare le iniziative attive, è quindi opportuno chiedere informazioni presso il proprio comune.Autoveicoli-a-metano-Esenzioni-dal-pagamento-del-bollo-auto-in-vigore